Ricordando Giovanni Mazzotti

Home/OFF-TOPIC/Ricordando Giovanni Mazzotti

Home page Forum OFF-TOPIC Ricordando Giovanni Mazzotti

Stai vedendo 9 articoli - dal 1 a 9 (di 9 totali)
  • Autore
    Articoli
  • Gambo7
    Membro
    N. di post: 394
    quote :

    Carissimi ragazzi,

    con immenso dolore vi scrivo per comunicarvi la notizia che il Professor Mazzotti ci ha lasciato poche ore fa, addormentandosi serenamente tra il conforto della moglie e dei suoi meravigliosi ragazzi.

    Ho voluto scrivervi subito, perché non appena si è deciso di allestire la Camera Ardente presso il Dipartimento di Anatomia (dalle 12 di domani fino a lunedì mattina), il primo pensiero è corso a tutti Voi, ovvero al patrimonio nel quale il Professore ha creduto fin dal tempo del primo viaggio a New York, un sogno divenuto realtà.
    Con i più “anziani” di voi abbiamo condiviso, meno di 3 anni fa, la disperazione al momento della diagnosi, poi incredibilmente abbiamo iniziato a sperare, contro ogni evidenza clinica, perché l’immensa forza del Professore, il suo ottimismo e la capacità di sopportare ogni prova minimizzando anche il dolore più grande, ci avevano illuso che, per errore o per miracolo, il male potesse essere controllato. E così è stato per quasi 3 anni, durante i quali il professor Mazzotti ha dato a tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di essergli accanto la lezione più bella e più grande, continuando nonostante tutto a lavorare per la Facoltà di Medicina, a fare lezione e ad adoperarsi in maniera indefessa per la realizzazione del suo sogno, la nuova sala settoria del Dipartimento di Anatomia.

    Sarà veramente difficile andare avanti, ora, perché il vuoto che lascia non è in alcun modo colmabile, ma sono certa sia l’unica cosa che il Professor Mazzotti vorrebbe in questo momento. Le difficoltà saranno tante, ma so che ognuno di voi saprà dare il proprio contributo, in base alla propria esperienza e alle proprie inclinazioni. Questo è il solo conforto che mi rende un po’ meno insopportabile il dolore della Sua scomparsa.

    Grazie di cuore per tutto ciò che avete fatto per il Dipartimento di Anatomia fino ad oggi, e ancor più per tutto ciò che continuerete a fare da oggi in poi

    Lucia Manzoli

    Gambo7
    Membro
    N. di post: 394

    Lutto all'Alma Mater: E' scomparso Mazzotti luminare d'Anatomia
    Pur assumendo importanti e impegnativi incarichi in Italia e in Europa, il professor Mazzotti non si è mai allontanato dall'ateneo bolognese

    Bologna, 4 giugno 2011 – E’ scomparso ieri pomeriggio nella sua casa di Bologna Giovanni Mazzotti, classe 1948, professore ordinario di Anatomia umana all’Alma Mater. Nato a Ravenna, comincia la sua carriera all’Alma Mater dove nel ’74 è già assistente ordinario e professore incaricato di Anatomia umana normale. La sua carriera universitaria poi procede molto rapidamente, aggiungendo incarichi prestigiosi: dal ’95 ad oggi è stato componente del Comitato scientifico del progetto di ricerca nazionale dell’Istituto superiore di Sanità sulla ‘Prevenzione del rischio della salute materno infantile’ oltre che componente del Consiglio scientifico dell’Istituto; dal 2002 era responsabile per la parte italiana della Convenzione tra la New York University e l’ateneo bolognese per l’insegnamento dell’Anatomia umana e dal 2006 presidente del Collegio italiano dei docenti di Anatomia umana. Per due anni (fino al 2008), infine, presidente della European Federation for Experimental Morphology.

    Ma pur assumendo importanti e impegnativi incarichi in Italia e in Europa, il professor Mazzotti non si è mai allontanato dall’ateneo bolognese e del 2007 ha assunto la presidenza del Corso di laurea in Medicina e chirurgia e la direzione della Scuola di specializzazione in Chirurgia plastica e rigenerativa.

    Nutrita anche la sua attività scientifica, iniziata dallo studio della cromatina, della cinetica cellulare e della struttura del cromosoma con particolare attenzione per i fenomeni replicativi e per la mappatura fisica del cromosoma. Negli ultimi anni si era dedicato allo studio dell’ultrastruttura della dentina e l’organizzazione delle fibre collagene, in particolare dopo il trattamento con le sostanze usate per l’ancoraggio degli adesivi dentinali. Recenti, infine, sono i primi risultati riguardanti la biocompatibilità dei principali monomeri presenti nei più comuni adesivi.

    Ma parallelamente alla sua attività didattica e scientifica, Mazzotti aveva anche ricoperto il ruolo di presidente del comitato provinciale della Croce Rossa italiana. E proprio in questo ruolo, nel gennaio del 2004 si era confrontato in modo molto diretto e duro con i ‘disobbedienti’ — allora capitanati da Gianmarco De Pieri — per la gestione del Cpt di via Mattei: Mazzotti non aveva avuto dubbi nel difendere l’operato dei suoi uomini.

    Gambo7
    Membro
    N. di post: 394

    Antonio Patuelli ricorda commosso le grandi qualità intellettuali, umane, morali e civili di Giovanni Mazzotti, uno dei principali scienziati romagnoli degli ultimi decenni. Mazzotti era stato impegnato sia internazionalmente, sia in Italia in importanti incarichi fra i quali l'Istituto Superiore di Sanità, mentre il fulcro della sua vita professionale era l'Università di Bologna nella quale si impegnò a fondo anche per il decentramento dell'Ateneo in Romagna.
    In Lui si coniugavano innanzitutto alti valori morali e umani che erano il presupposto del suo essere medico e scienziato, con alto spirito di solidarietà evidenziato anche nei lunghi anni di presidenza della Croce Rossa a Bologna.
    Gli orizzonti internazionali e scientifici di Giovanni Mazzotti si sono sempre coniugati con un forte attaccamento alla sua terra di origine, la Romagna, ed a quella di adozione, Bologna, dove ha ricoperto importanti incarichi nella Facoltà di Medicina e nel Senato Accademico.

    Ma Mazzotti ha dato anche importanti contributi alla crescita del mondo della Cassa di Risparmio di Ravenna, prima nella Banca di Imola e poi negli organi della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna.
    Patuelli ricorda infine che Giovanni Mazzotti univa le grandi qualità di medico e scienziato con doti intellettuali che spaziavano in altri campi e si coniugavano con profondi ideali di libertà e di democrazia.

    Il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, Lanfranco Gualtieri, in relazione alla scomparsa del Prof. Giovanni Mazzotti, Socio ed Amministratore della Fondazione, Professore Ordinario di Anatomia Umana nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bologna, Componente del Senato Accademico dell'Università di Bologna, ne ha voluto ricordare, con profonda commozione, l'alto profilo professionale, culturale ed umano.
    «Il Prof. Mazzotti è stato sempre un Amministratore attento, sensibile e partecipe alle problematiche del nostro territorio. L'amore che nutriva per la Romagna lo ha portato ad essere, tra l'altro, un sicuro punto di riferimento per l'insediamento ed il consolidamento del Polo Universitario ravennate nel quale è stato valentissimo docente nei Corsi di Laurea d'Infermieristica e Logopedia della Facoltà di Medicina e Chirurgia».

    bruna
    Membro
    N. di post: 37

    era davvero un grande. che peccato . sono sempre i piu bravi che ci lasciano prima.. grazie di aver postato queste lettere ed articolo

    cadisife
    Membro
    N. di post: 89

    sono davvero dispiaciuto.era veramente un grand'uomo.

    webmaster
    Membro
    N. di post: 443

    mi ha laureato lui, era il presidente della commissione e il presidente del corso di laurea.Non lo dimenticherò mai.Immensa cultura e immensa umanità.

    battista.tirondola
    Membro
    N. di post: 152

    Io con lui ho dato anatomia. Mi dispiace che se ne sia andato, oltretutto per una malattia – mi pare di capire – particolarmente odiosa.

    Era sicuramente uno dei volti meno sporchi della nostra facoltà. Anche umanamente era simpatico.
    Ammetto che non trovai molto utili le sue lezioni di anatomia cardiaca, ma questo è un giudizio personale. Credo invece si possa soprassedere sulla sua produzione "scientifica".

    Anonimo
    N. di post: 0

    Si schierò CONTRO la decadenza ricordiamocelo

    Pollon
    Membro
    N. di post: 120

    In un certo senso, mi difese, ad un esame …
    ed era dalla parte di noi studenti!

    Ciao Prof!

Stai vedendo 9 articoli - dal 1 a 9 (di 9 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.